fbpx

Come Pitturare le Inferriate

Le inferriate della propria casa sono soggette alle intemperie e allo smog, e molto spesso capita che si danneggino perdendo il loro colore originale e la brillantezza della vernice. Per questo è importate verniciare le inferriate e conoscere alla perfezione i prodotti che si utilizzano per pulirle, evitando prodotti corrosivi o che potrebbero consumare le grate.

Le inferriate zincate

Nel caso di verniciatura delle inferriate zincate è utile rimuovere tutta la ruggine con una spazzola di metallo, utilizzando solo in un secondo momento la carta abrasiva per rimuovere i residui di ruggine e allisciare la struttura. È molto indicato in questa fase pulire le inferriate con uno strofinaccio di stoffa e magari bagnare il canovaccio con dell’acquaragia. Solo a questo punto potrà essere applicato un buon antiruggine che conservi le inferriate in modo eccellente e senza alterarne le proprietà del metallo. Per la scelta dell’antiruggine è utile farsi consigliare da un rivenditore, specificando sia lo smalto che si intende usare come finitura che il luogo in cui si trova la grata in questione (interno, esterno, zona molto calda o fredda). Le aziende produttrici hanno sviluppato anche sugli antiruggine delle tecnologie che consentono di proporre soluzioni differenti e, in quanto tali, più efficaci.

Per verniciare le sbarre è indicato un pennello di medie dimensioni o una bomboletta spray (in questo caso è importante saper utilizzare questa tintura, in quanto si può rischiare di lasciare punti vuoti o sovrapposizioni di colore). Basterà semplicemente prendere la pittura di un colore adatto all’abitazione nel colorificio di fiducia o online, e con l’utilizzo di un piccolo pennello bisognerà anche verniciare gli angoli più nascosti che all’apparenza risultano poco visibili, in modo da eseguire un lavoro praticamente perfetto.

Nel caso in cui l’inferriata resti montata, è utile rivestire le pareti in muro della finestra e quelle adiacenti con della carta di giornale, così da evitare che il colore possa lasciare macchie. Lasciate poi asciugare correttamente la vernice, evitando di entrarne in contatto diretto per almeno qualche ora. Potete utilizzare per dipingere anche un guanto di schiuma di caucciù e indossarlo su una mano, mettendo essa nel barattolo di vernice e strizzandola poi per eliminare il colore in eccesso.

Basterà successivamente passare il guanto delicatamente sulle sbarre, ripetendo questa azione più volte. Dipingere un inferriata può quindi essere molto più semplice di quello che si possa credere. Potreste chiedere ulteriori consigli ad un amico che ha già fatto questo lavoretto, in modo che vi possa togliere eventuali dubbi e anche consigliare qualche valido prodotto. Certamente dipingere da soli un’inferriata non solo vi darà delle grandissime soddisfazioni, ma vi permetterà anche di risparmiare un po’ di denaro che altrimenti spendereste per contattare un professionista.

Occorrente

Come anticipato, verniciare un’inferriata è un lavoro faticoso, ma che porta moltissima gioia e gusto personale alla casa. Moltissimi strumenti utili per questo lavoro possono essere reperiti o riclati, come ad esempio gli stracci in stoffa. Un buon antiruggine è fondamentale per portare a termine la pittura nel migliore dei modi: senza questo elemento, le inferriate saranno sempre a rischio di deterioramento. Un pennello grande e un pennello di piccole dimensioni sono infine i protagonisti di questa operazione: rifinire tutti i dettagli di un’inferriata e non lasciare nessuno spazio vuoto è ciò che renderà il lavoro un successo! È consigliato tenere i pennelli in ammollo in una soluzione di acqua e solvente per piatti almeno per una ventina di minuti e strizzarli adeguatamente prima di utilizzarli. Si raccomanda di procedere con pennellate ampie e di seguire attentamente le istruzioni riportate sulla confezione della vernice.

Infine uno piccolo un foglio di carta abrasiva e l’acquaragia sono dei grandi alleati per svolgere questa operazione. L’acquaragia può essere utilizzata anche sulle superfici metalliche e per rimuovere le macchie di ruggine è un validissimo aiuto. Inoltre, può essere usata per pulire e smacchiare le superfici in legno, quali parquet e mobili. Dopo aver adeguatamente preparato le grate, si passa finalmente alla stesura dello smalto. Come anticipato, una vernice a solvente o ad acqua o una bomboletta spray sono l’ideale per verniciare la grata. La tintura ad acqua è particolarmente consigliata perché ha un basso impatto ambientale e non incide sulla tenuta della vernice. Aspettate sempre che la vernice sia completamente asciutta prima di applicare la seconda mano!

Condividi questo Post!

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Il preventivo richiesto sarà gratuito e senza impegno. Compila il form e riceverai una risposta nel più breve tempo possibile.

Categorie

Articoli che potrebbero interessarti: