fbpx

Come si monta il parquet prefinito?

Oggi parleremo del procedimento e delle accortezze necessarie affinchè un pavimento come quello prefinito possa essere montato nelle vostre case nel miglior modo possibile senza che ci siano problemi o imperfezioni nella pavimentazione.

La buona riuscita de montaggio del parquet prefinito è fondamentale per la futura stabilità e durevolezza del pavimento che ci accompagnerà per moltissimi anni nella vita di tutti i giorni.

Cos’è il parquet prefinito?

Prima di immergerci nella spiegazione del montaggio di questo particolare pavimento è importante sapere di cosa si sta parlando. Il parquet prefinito offre tutte le qualità del parquet tradizionale; eleganza e calore sono le parole chiave che contraddistinguono questo tipo di pavimento però a differenza di un parquet tradizionale il suo montaggio è molto più veloce e semplice perchè non necessità di alcuni passaggi.

La verniciatura ad esempio non è necessario con il parquet prefinito perchè arriva nella tua casa pronto per essere montato senza dover passare attraverso alcuni passaggi di ulteriore verniciatura o trattamenti tipici per il parquet tradizionale. Inoltre in sede di montaggio il parquet prefinito offre la possibilità al posatore di poterlo montare anche senza l’utilizzo di colla ma di questo tipo di montaggio ne parleremo più avanti.

Un’altra differenza e vantaggio del parquet prefinito è che avrà sicuramente un costo minore rispetto a quello tradizionale per via del montaggio più semplice.

Ma in cosa si distingue da un parquet tradizionale?

Il parquet prefinito a differenza di un tradizionale ha uno strato di legno nobile che può andare dai 3 mm in su. Il legno tradizionale invece è completamente composto da legno nobile senza strati di multistrato al si sotto della doga. Nonostante lo strato di legno vero e proprio non sia come quello di un legno tradizionale il parquet può comunque prestarsi a delle rilamature senza che si incorra nel rischio di consumare tutto lo strato di legno nobile della doga.

Come si posa il parquet prefinito?

Prima di buttarci nel vivo dei vari passaggi con cui un parquet prefinito può essere posato a regola d’arte è bene far presente quelli che sono i pre-requisiti.

L’ambiente in cui verrà montato il parquet deve avere già degli infissi che permettano di isolare il pavimento dall’esterno ma soprattutto da possibili agenti atmosferici come la pioggia, che potrebbe compromettere la buona riuscita della posa.

Anche la pittura della casa è bene che sia già ultimata affinchè non ci sia il rischio che schizzi di vernice rovinino il parquet in maniera irreversibile.

Inoltre anche termosifoni e sanitari è bene che siano già montati perchè nel trasporto di questi oggetti è molto comune che questi cadano o che banalmente vengano appoggiati a terra ed essendo molto pesanti il rischio è di ammaccare o graffiare il pavimento che si è appena posato e questa è sicuramente l’ultima cosa che vogliamo.

Prese queste precauzioni siamo pronti per parlare della posa vera e propria. Il primo punto della questione sarà il massetto di casa, cioè lo strato che ospiterà il nostro parquet prefinito appena uscito dalla falegnameria. Il massetto può essere di diversi tipi e non è raro che il parquet sia montato anche direttamente sopra le mattonelle vecchie di un’abitazione.

Il massello deve avere dei requisiti fondamentali che sono una bassa percentuale di umidità e una barriera per il vapore al suo interno. Chiaramente la presenza di umidità potrebbe compromettere la durata del parquet facendo si che il pavimento cominci ad inarcarsi portando a dei lavori ulteriori però quando parliamo di barriera del vapore parliamo di uno strato ulteriore sotto il massetto che va a isolare ulteriormente lo strato del massetto impedendo qualsiasi tipo di infiltrazione.

Prese queste precauzioni siamo proti per il montaggio vero e proprio che potrà avvenire tramite colla bicomponente o tramite materassino. Il parquet incollato è un classico ed il metodo utilizzato anche il parquet tradizionale invece il montaggio flottante con materassino è una specifica del parquet prefinito.

Colla o materassino?

Il parquet prefinito può anche non essere incollato e semplicemente montato sopra un materassino che va a dare una base stabile al parquet. Tutto questo va velocizzare anche il montaggio del parquet stesso e le differenze tra i due tipi di posa non vanno assolutamente ad impattare sulla resa finale del vostro pavimento.

Se incollato il parquet non andrebbe calpestato per almeno 2 giorni e i mobili non dovrebbero esse montati, per evitare che il parquet sia sottoposto a sforzi che potrebbero compromettere la posa. Molto importante anche non posizionare nessun tipo di tappeto per i mesi successivi così da permettere al parquet di respirare. L’utilizzo di tappeti potrebbe lasciare dei veri e propri “aloni ” nel vostro pavimento.

Seguite queste fasi il vostro parquet dovrebbe essere pronto per accompagnarvi per i prossimi anni a venire. Il nostro consiglio finale è di affidare sempre alla stessa ditta che vi ha fornito il parquet di montarlo anche nella vostra abitazione affinchè ogni passaggio sia seguito con accortezza

Condividi questo Post!

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Il preventivo richiesto sarà gratuito e senza impegno. Compila il form e riceverai una risposta nel più breve tempo possibile.

Categorie

Articoli che potrebbero interessarti:

foto di parquet laminato
Pavimenti e Parquet

Come pulire il parquet di casa

Il parquet è una finitura per pavimenti molto apprezzata ma anche molto delicata, la sua pulizia richiede diversi accorgimenti per evitare di rovinarlo. Prima di

Leggi Tutto »